Lettera Prof. Patrizio Bianchi