I.C. “Giuseppe Moscato”: la meraviglia del Presepe vivente

132

Dopo due anni di limitazioni a causa della pandemia legata al Covid-19, attraverso un emozionante viaggio a piedi, tra i locali della scuola primaria “Giuseppe Moscato”, si è rivissuto lunedì 19 Dicembre 2022, lo spirito del Natale, attraverso il presepe vivente.  Gratificante l’affluenza e numerosi gli apprezzamenti riscontrati per la rappresentazione, nella fascia oraria dalle 16:00 alle 18:00, fedelmente ricostruita in ogni minimo particolare.
Con la gioia del Dirigente Scolastico Ing. Antonio Giuseppe Ubaldini ogni classe si è cimentata nella rappresentazione delle scene tradizionali della quotidianità, generando un clima di positività e serenità natalizia, evidenziando il lavoro profuso da docenti, genitori, persone esterne e collaboratori scolastici.
Tutti gli alunni delle classi della scuola primaria hanno ricostruito la vita della città di Betlemme, riproponendo dall’angolo del censimento con i centurioni che lo presidiavano, al mercato dei mestieri, alle botteghe con le porte aperte ai visitatori, mostrando l’operato di artigiani intenti ad intrecciare canestri, delle donne intente ad infornare il pane, a ricamare, tessere e torcere le lenzuola nei lavatoi.
La bellezza di una masseria con la stanza del pane e del formaggio, l’osteria e gli ambienti con gli attrezzi del mondo contadino, gli antichi mestieri del falegname, fabbro e del calzolaio contornati dalla stella cometa che guida i Re Magi provenienti dall’Oriente, in cerca di Gesù.
A concedere l’ultimo tocco di bontà ai visitatori è stata la capanna della Natività, ricavata al centro della scena, ammirata in religioso silenzio, nel rispetto di suoni, odori e musica del tempo.
Il mirabile segno del presepe, così caro al popolo cristiano, suscita sempre stupore e meraviglia”: Inizia così la Lettera apostolica Admirabile signum sul significato e il valore del presepe, che Papa Francesco ha firmato a Greccio.

Pubblicato in